“Rimini, dieci anni di economia”: un libro per i 10 anni di TRE

Presentazione libro "Rimini, dieci anni di economia"

Giovedì 10 dicembre, alle ore 15, presentazione alla sede della Camera di Commercio di Rimini, del volume curato da Primo Silvestri, direttore del mensile TRE – TuttoRiminiEconomia con contributi di Mirco Paganelli, Laura Carboni Prelati e Mauro Bianchi della redazione di TRE. Il libro (edizioni IlPonte) riassume dieci anni di inchieste sulle imprese, il lavoro, lo sviluppo, il turismo e le eccellenze del territorio provinciale riminese

di Primo Silvestri

Nel 2015 ricorrono i primi dieci anni di pubblicazione del mensile Tutto Rimini Economia (TRE), edito dal settimanale IlPonte. Siamo nati con l’obiettivo di occupare uno spazio informativo che all’epoca – ma anche adesso – sembrava vuoto. E con il fermo proposito di offrire, in un campo delicato come lo sviluppo locale, una informazione documentata, che approfondisse i temi e scendesse nella vita reale delle imprese e delle persone, scartando da subito propaganda e informazioni non supportate da fonti attendibili. Il libro “Rimini, dieci anni di economia. Tra passato e futuro” è una sintesi, ma anche il risultato di una ricerca sul terreno che è durata dieci anni. La presentazione avrà luogo giovedì 10 dicembre alle ore 15 alla sede della Camera di Commercio di Rimini (via Sigismondo 28) con Primo Silvestri, curatore del libro, Fabrizio Moretti, presidente Camera di Commercio di Rimini e Guido Caselli, direttore Centro Studi Unioncamere Emilia-Romagna.

Ma torniamo a TRE. In tutto questo periodo abbiamo visitato e scritto di un centinaio di aziende del nostro territorio, spesso scelte col metodo del passaparola, perché volevamo raccontare e documentare quelle che, in un periodo così difficile, dimostravano di avere una marcia in più, per innovazione, investimenti, creatività, apertura ai mercati internazionali. Sicuramente non le abbiamo raggiunte tutte e continueremo a cercarle. Imprese in prevalenza manifatturiere, un settore che in ambito locale, nonostante detenga il monopolio dell’esportazione, non gode di particolare attenzione (anche per responsabilità degli interessati).
Abbiamo dato spazio a tutto ciò che ci è sembrato che fosse vivo, attivo e potesse rappresentare una risorsa per la costruzione del futuro. Abbiamo scritto dei tanti giovani che provano a mettere su un’impresa, non sempre adeguatamente supportati dal sistema istituzionale ed economico locale. Degli immigrati che si sono integrati nel tessuto socio-economico riminese, lavorando o costruendo imprese che in parte hanno compensato la chiusura di quelle indigene. Delle donne, sempre più con una laurea in mano, che rivendicano uno spazio adeguato nel mondo del lavoro e dell’impresa. Ed ovviamente abbiamo scritto anche delle cose che non vanno, a cominciare dalla mancanza di lavoro, che colpisce tutti, ma in modo particolare i giovani e le donne. Dei giovani che si laureano e della scarsità del lavoro qualificato. Uno spazio, con rubriche specifiche, lo abbiamo sempre dedicato ai consumatori, con indagini periodiche sui prezzi (l’unica testata riminese a farlo in modo continuativo), e ai risparmiatori, perché non si facciano abbagliare da promesse di guadagni facili.
TRE viene pubblicato in dieci mila copie, prevalentemente distribuite tramite abbonamenti (con il settimanale IlPonte). Ma ci sono anche 1.500 copie che vanno alle nostre maggiori aziende, grazie alla collaborazione con la Camera di Commercio di Rimini, e l’ultimo anno altre migliaia di copie sono finite nelle scuole grazie al progetto di educazione finanziaria ed imprenditoriale per giovani Sbankiamo. Non meno importante, la collaborazione con Figli del Mondo, che ci ha permesso di seguire il tema della responsabilità sociale d’impresa nel riminese.