Rimini, diminuiscono ancora i prezzi della spesa

indagine prezzi rimini

indagine prezzi rimini

Torna l’indagine semestrale di TRE sui 50 prodotti base del carrello di una famiglia

Risale al novembre 2014 l’ultimo aumento dei prezzi al consumo, rispetto al mese precedente. Poi questi non hanno fatto che scendere, fino ad arrivare a meno 0,6% nel gennaio scorso. E’ l’effetto della crisi che attanaglia l’Italia da oramai otto anni.
Un riflesso positivo per le tasche dei consumatori, che si può rilevare anche a Rimini, dove la somma dei prezzi di una lista di circa cinquanta prodotti dà valori inferiori a quelli di un anno addietro nella maggioranza dei supermercati indagati. I vari punti vendita che abbiamo visitato – ciascuno a suo modo – si ingegnano a tenere bassi i prezzi e in qualche caso anche a ridurli.
I prezzi bassi non hanno impedito alle vendite al dettaglio di avere segno ininterrottamente negativo dal mese di maggio 2014. Insomma, la crisi comincia ad avvitarsi su se stessa e a moltiplicare i segnali negativi.
Il carrello più conveniente esteso a 50 prodotti, dall’ortofrutta all’igiene personale, questo mese si registra all’Ipermercato Conad (Centro “Le Befane”) di Rimini: 195,43 euro. Lo stesso paniere costa invece 207,87 euro all’Iper Savignano.

spesa